Dal 2005 al vostro servizio!
Centrale: 081 8612342
Rovigliano: 081 5364088
Torre Sud: 081 8611161
Centro Estetico: 081 8616339
19 Mar 2019

Allergie di primavera. Il decalogo per non rimanere senza respiro

Quattro italiani su dieci soffrono di allergie primaverili. Causa scatenante: la comparsa dei primi pollini. Secondo un’indagine dell’Anifa (Associazione Nazionale dell’Industria Farmaceutica dell’automedicazione) la fioritura delle piante rende la primavera la stagione dei raffreddori: gli starnuti colpiscano l’80% degli italiani, e per chi è vittima di allergie non c’è via di scampo.
Tenere sotto controllo il calendario della fioritura, riconoscere i principali sintomi di un’allergia ai pollini e seguire alcune semplici regole: ecco un decalogo di consigli per tenere a bada gli starnuti e godersi così l’arrivo della bella stagione.

 IL CALENDARIO DEI POLLINI

ALLERGIE AI POLLINI: i dieci sintomi da tenere d’occhio

LE DIECI REGOLE per combattere l’allergia

ALLERGIE? Prenota online una visita o un esame specialistico!

IL CALENDARIO DEI POLLINI

I principali allergeni che si presentano nel periodo primaverile sono i pollini della Graminacee, della Parietaria, le Composite (ad esempio l’ambrosia), le Betullacee, le Oleacee e le Cupressacee.

GRAMINACEE: da aprile a giugno

PARIETARIA: da marzo ad ottobre

COMPOSITE o ASTERACEE: da luglio a settembre

BETULLACEE: da gennaio a maggio

OLEACEE:  da maggio a giugno

CUPRESSACEE (Cipresso):  da febbraio a fine marzo con possibili anticipi a gennaio o continuazioni fino ad aprile

Negli ultimi anni si registra un incremento dei soggetti che soffrono di pollinosi da cipresso, in particolare in Toscana, Puglia, Liguria, Umbria, Lazio e Campania. Questo tipo di allergia riguarda soprattutto i più piccoli: nel centro Italia si stima che un bambino su dieci sia allergico al cipresso.
Tra le principali cause l’aumento della sua coltivazione a scopi ornamentali o di rimboschimento.

ALLERGIE AI POLLINI: i dieci sintomi da tenere d’occhio

  1. Rinorrea acquosa
    2. Congestione nasale
    3. Bruciore e arrossamento delle congiuntive
    4. Lacrimazione
    5. Starnuti isolati o a salve
    6. Prurito al palato, al naso e agli occhi
    7. Tosse secca e stizzosa, spesso notturna, accompagnata da difficoltà di respiro e dai caratteristici sibili intratoracici propri dell’asma bronchiale
    8. Riduzione dell’olfatto e del gusto
    9. Insonnia, stanchezza, irrequietezza
    10. Difficoltà di respiro e asma (nel 40% dei casi).

LE DIECI REGOLE per combattere l’allergia

  • Evitare di uscire durante le giornate secche e ventose, quando  è più alta la concentrazione di pollini;
  • Evitare l’aerazione degli ambienti durante le ore più calde della giornata ed eventualmente usare condizionatori d’aria;
  • Fare la doccia e lavare i capelli quotidianamente. I granuli pollinici spesso rimangono intrappolati tra i capelli e la notte possono depositarsi sul cuscino, venendo così inalati;
  • Evitare  di uscire subito dopo un temporale: l’acqua rompe i granuli pollinici in frammenti più piccoli che raggiungono facilmente le vie aeree e in maggiore profondità;
  • Tenere sempre sott’occhio il calendario dei pollini;
  • Usare appropriate mascherine durante i lavori all’aperto;
  • Evitare i viaggi in macchina od in treno con i finestrini aperti. Quando possibile è preferibile viaggiare in autoveicoli con aria condizionata e filtri di aerazione anti-polline da pulire spesso:
  • Indossare un nuovo paio di scarpe quando si rientra a casa, e riporre le altre in un armadio in modo che non trasportino in giro le particelle allergizzanti.
  • Lavare spesso i pavimenti; ma attenzione all’utilizzo dell’aspirapolvere che può sollevare le particelle allergizzanti;
  • Tappeti, moquette, tappezzerie e tendaggi sono arredamenti rischiosi per gli allergici: lì si depositano pollini e polveri difficili da rimuovere.

Fonte: http://www.sanraffaele.it/comunicazione/SRpedia/11589/starnuti-di-primavera-rimedi-e-prevenzione

22 Nov 2018

Sonia Peronaci, da Giallo Zafferano alla Farmacia Palomba

Appuntamento da non perdere quello di sabato 24 novembre in programma presso il nostro Celiac Store di piazza Imbriani a Torre Annunziata,

Dalle ore 16.00 la celebre food blogger Sonia Peronaci delizierà i vostri palati con una serie di ricette e creazioni pensate in collaborazione con SCHAR l’azienda leader del gluten free.

Milanese di nascita,  Sonia Peronaci inizia a cucinare nel ristorante del padre a 6 anni. Dopo aver lavorato in pub, villaggi turistici e come commercialista, nel 2006 fonda con il compagno Francesco Lopes il sito internet e video blog di cucina Giallo Zafferano.

Il progetto ottiene un grande successo e viene acquisito da Banzai nel settembre 2009. Nel 2011 Giallo Zafferano raggiunge due milioni di utenti unici al mese;[3] nel 2013 supera quattro milioni di utenti al mese.

Sonia Peronaci guadagna rapidamente popolarità – anche grazie ai social network e al canale di YouTube, dove Giallo Zafferano pubblica dal 2009 video-ricette anche in inglese e spagnolo.

Inizia collaborazioni con mensili e altri portali on-line (Grazia, Donna Moderna) e dal 2011 partecipa a diverse trasmissioni televisive, presentando video-ricette e consigli per la cucina.

Dal novembre 2010 Sonia Peronaci è stata scelta come testimonial italiana di Kraft Philadelphia: nel 2011 ha realizzato sei spot pubblicitari per le reti nazionali e private. Nel 2012 partecipa ad altri due spot, in compagnia di Katia Follesa e Marta Zoboli.

Il 29 novembre 2011 pubblica per Mondadori il libro Le mie migliori ricette, una raccolta delle ricette più visitate su Giallo Zafferano. L’11 settembre 2012 pubblica per lo stesso editore un secondo libro, dal titolo Divertiti cucinando.

Nel 2012 interviene in un corso di web marketing dell’Università Cattolica di Milano.

Dal 4 novembre 2013 va in onda, sul canale Fox Life, il programma televisivo In cucina con Giallozafferano, basato sulle video ricette di Giallo Zafferano; in ogni puntata propone una delle ricette del sito, illustrando tutti i procedimenti[7].

Nel mese di ottobre 2015 rende pubblica la decisione da lei maturata di interrompere la collaborazione novennale a Giallo Zafferano, una scelta motivata con l’intenzione di dedicarsi ad altri percorsi professionali ne ramo della pratica e divulgazione culinaria[8].

Il 17 novembre 2015 ha lanciato il suo nuovo sito http://www.soniaperonaci.it/. ( fonte wikipedia)